GNOME Partition Editor
Custom Search

Manuale di GParted

Questo manuale descrive la versione 0.4.6 di GParted.

Questo documento può essere copiato, distribuito o modificato solo in conformità con i termini della GNU Free Documentation License (GFDL) Versione 1.2 o delle versioni successive pubblicate dalla Free Software Foundation senza sezioni invariabili, frontespizi e testi di copertina. Una copia della GFDL è disponibile a questo collegamento, all'indirizzo http://www.fsf.org/licensing/licenses/fdl.html o nel file COPYING-DOCS distribuito con questo manuale.

Commenti

Per segnalare un problema o inviare suggerimenti riguardo gparted o questo manuale, seguire le istruzioni alla pagina http://gparted.sourceforge.net/bugs.php.

Diario delle Revisioni
Revisione Manuale V1.1 di GPartedLuglio 2009

Estratto

GParted è l'editor di partizioni per GNOME usato per creare, riorganizzare ed eliminare partizioni dai dischi. Gparted consente di riorganizzare le partizioni conservando allo stesso tempo i dati.


Introduzione

gparted è l'editor di partizioni per GNOME usato per creare, riorganizzare ed eliminare partizioni dai dischi.

Un dispositivo può essere suddiviso in una o più partizioni. Con gparted è possibile riorganizzare le partizioni su un dispositivo preservandone i contenuti.

Con gparted è possibile eseguire le seguenti azioni:

  • Creare una tabella delle partizioni su un dispositivo.

  • Abilitare e disabilitare i flag delle partizioni come quello di avvio o quello per renderle nascoste.

  • Compiere azioni come creare, eliminare, ridimensionare, spostare, controllare, etichettare, copiare e incollare sulle partizioni.

Attenzione

Modificare le partizioni può portare alla perdita di dati.

gparted è progettato per consentire la modifica delle partizioni riducendo il rischio di perdita di dati. L'applicazione è controllata accuratamente dal team di sviluppo di GParted. È comunque possibile che si possano verificare perdite di dati a causa di problemi software, hardware o nel caso di interruzione della corrente elettrica.

È possibile ridurre ulteriormente questo rischio montando e smontando le partizioni al di fuori di gparted mentre gparted è in esecuzione.

È consigliato fare una copia di backup dei propri dati prima di usare gparted.

Per iniziare

Avviare gparted

È possibile avviare gparted nei seguenti modi:

Menù Applicazioni

Scegliere SistemaAmministrazioneEditor di partizioni.

Riga di comando

Eseguire il seguente comando: gparted

All'avvio, gparted analizzerà il computer alla ricerca dei dispositivi.

La finestra di GParted

All'avvio di gparted, viene visualizzata la seguente finestra:

Figura 1. La finestra principale di gparted

Mostra la finestra di gparted.

La finestra principale di gparted è composta dai seguenti elementi:

Barra dei menù

I menù della barra dei menù contengono tutti i comandi necessari per lavorare con i dispositivi e le partizioni all'interno di gparted.

Barra degli strumenti

La barra degli strumenti contiene un sottoinsieme dei comandi a cui è possibile accedere dalla barra dei menù.

Area di visualizzazione grafica

L'area di visualizzazione grafica contiene la rappresentazione grafica delle partizioni sui dispositivi selezionati.

Area di visualizzazione di testo

L'area di visualizzazione di testo contiene l'elenco testuale delle partizioni sul dispositivo selezionato.

Barra di stato

La barra di stato visualizza informazioni riguardo l'attività corrente di gparted o il numero di operazioni in sospeso.

Riquadro informazioni del dispositivo

Il riquadro di informazioni del dispositivo visualizza i dettagli riguardo il dispositivo selezionato.

Il riquadro di informazioni del dispositivo non viene mostrato in modo predefinito. Per visualizzarlo, scegliere VisualizzaInformazioni sul dispositivo.

Riquadro operazioni in sospeso

Il riquadro delle operazioni in sospeso visualizza l'elenco delle operazioni da svolgere sulla partizione.

Il riquadro delle operazioni in sospeso non viene mostrato in modo predefinito quando non c'è alcuna operazione in sospeso. Per visualizzarlo, scegliere VisualizzaOperazioni in sospeso.

Quando si fa clic col pulsante sinistro del mouse all'interno dell'area di visualizzazione, viene selezionata una partizione da utilizzare per eseguire le modifiche.

Quando si fa clic col pulsante destro del mouse all'interno dell'area di visualizzazione, viene mostrato un menù a comparsa. Questo menù contiene le azioni più usate per il partizionamento.

Come in molte altre applicazioni per GNOME, le azioni in gparted possono essere eseguite in diversi modi: tramite il menù, la barra degli strumenti o attraverso dei tasti scorciatoia.

Eseguire gparted dalla riga di comando

È possibile eseguire gparted dalla riga di comando specificando uno o più dispositivi.

Per lavorare dalla riga di comando con più dispositivi, digitare il seguente comando e premere Invio:

$gparted /percorso-al-device1 /percorso-al-device2

Visualizzare il supporto dei file system

Per visualizzare le azioni supportate sul file system, scegliere: VisualizzaSupporto file system. Viene visualizzato il dialogo Supporto file system.

  • Per visualizzare maggiori informazioni riguardo la tabella, fare clic su Legenda.

  • Se è stato installato del nuovo software mentre gparted era in esecuzione, fare clic su Controlla azioni supportate per aggiornare la tabella.

Per chiudere il dialogo Supporto file system, fare clic su Chiudi.

Lavorare con i dispositivi

Selezionare un dispositivo

Per selezionare un dispositivo scegliere: GPartedDispositivi e selezionarne uno dall'elenco. Nella finestra principale di gparted vengono visualizzate le partizioni presenti nel dispositivo.

Visualizzare informazioni sul dispositivo

Per visualizzare informazioni su un dispositivo:

  1. Selezionare un dispositivo. Consultare la sezione chiamata «Selezionare un dispositivo».

  2. Selezionare: VisualizzaInformazioni sul dispositivo. Nella finestra principale di gparted viene aperto un riquadro con le informazioni sul dispositivo.

Per chiudere il riquadro laterale Informazioni sul dispositivo deselezionare: VisualizzaInformazioni sul dispositivo.

Aggiornare i dispositivi

Per aggiornare tutti i dispositivi, scegliere: GPartedAggiorna dispositivi. Viene eseguita un'analisi di tutti i dispositivi e vengono aggiornate le partizioni presenti nella finestra di gparted.

Creare una nuova tabella delle partizioni

Per creare una nuova tabella delle partizioni su un dispositivo:

  1. Selezionare un dispositivo. Consultare la sezione chiamata «Selezionare un dispositivo».

  2. Scegliere: DispositivoCrea nuova tabella partizioni. Viene visualizzato il dialogo Crea tabella partizioni su /percorso-al-device.

  3. Per avere una tabella delle partizioni diversa da quella «msdos», fare clic su Modalità avanzata e selezionare quella desiderata dall'elenco.

  4. Fare clic su Crea per creare la nuova tabella delle partizioni. Una volta creata la nuova tabella delle partizioni, le partizioni descritte nella finestra principale di gparted vengono aggiornate.

Attenzione

Attenzione: questo eliminerà tutti i dati presenti nel dispositivo.

Se viene sovrascritta per sbaglio una tabella delle partizioni, consultare la sezione chiamata «Recuperare la tabella delle partizioni».

Lavorare con le partizioni

Azioni di base

Queste azioni non modificheranno le partizioni nei dispositivi.

Selezionare una partizione

Per selezionare una partizione, usare uno dei seguenti metodi:

  • Fare clic su una partizione nell'area di visualizzazione grafica.

  • Fare clic su una partizione nell'area di visualizzazione di testo.

Nella finestra principale di gparted vengono evidenziate le partizioni sia nell'area di visualizzazione grafica che in quella di testo.

Nota

Le operazioni sulle partizioni come l'eliminazione, il ridimensionamento, lo spostamento o la copia, la formattazione, il controllo e la scrittura dell'etichetta richiedono che la partizione sia smontata per poter essere eseguite. Consultare la sezione chiamata «Smontare una partizione».

Selezionare lo spazio non allocato

Per selezionare dello spazio non allocato, usare uno dei seguenti metodi:

  • Fare clic su non allocato nell'area di visualizzazione grafica.

  • Fare clic su non allocato nell'area di visualizzazione di testo.

Nella finestra principale di gparted viene evidenziato lo spazio non allocato sia nell'area di visualizzazione grafica che in quella di testo.

Suggerimento

Se non si dispone di un dispositivo con dello spazio non allocato, è possibile:

Visualizzare informazioni sulla partizione

Per visualizzare informazioni su una partizione:

  1. Selezionare una partizione. Consultare la sezione chiamata «Selezionare una partizione».

  2. Scegliere: PartizioneInformazioni. Viene visualizzato il dialogo Informazioni riguardo /percorso-alla-partizione.

Per chiudere il dialogo Informazioni riguardo /percorso-alla-partizione, fare clic su Chiudi.

Montare una partizione

Per montare una partizione:

  1. Selezionare una partizione non montata. Consultare la sezione chiamata «Selezionare una partizione».

  2. Scegliere: PartizioneMonta e selezionare un punto di mount dall'elenco. La partizione viene montata sul punto di mount e vengono aggiornate le informazioni relative alle partizioni nella finestra principale di gparted.

Nota

Se PartizioneMonta non è visibile, gparted non è in grado di capire dove debba essere montata la partizione.

Smontare una partizione

Per smontare una partizione:

  1. Selezionare una partizione montata. Consultare la sezione chiamata «Selezionare una partizione».

  2. Scegliere: PartizioneSmonta. Viene smontata la partizione dal punto di mount e vengono aggiornate le informazioni relative alle partizioni nella finestra principale di gparted.

Suggerimento

Se l'operazione PartizioneSmonta non ha alcun effetto, la partizione è probabilmente in uso.

Per poter disporre di tutte le partizioni smontate e disponibili per essere modificate, è possibile avviare un CD "live" e usare gparted da lì. Per maggiori informazioni consultare la sezione chiamata «GParted su un CD "live"»

Azioni intermedie

Queste azioni modificano le partizioni presenti nel dispositivo, ma non modificano i punti iniziali e finali della partizioni esistenti.

Creare una nuova partizione

Per creare una nuova partizione:

  1. Selezionare dello spazio non allocato nel dispositivo. Consultare la sezione chiamata «Selezionare lo spazio non allocato».

  2. Scegliere: PartizioneNuovo. Viene visualizzato il dialogo Crea nuova partizione.

  3. Specificare la dimensione e la posizione per la partizione. Consultare la sezione chiamata «Specificare dimensione e posizione della partizione».

  4. Specificare l'allineamento della partizione. Consultare la sezione chiamata «Specificare l'allineamento della partizione».

  5. Specificare il tipo di partizione. Consultare la sezione chiamata «Specificare il tipo di partizione».

  6. Specificare il tipo di file system per la partizione. Consultare la sezione chiamata «Specificare il file system della partizione».

  7. Specificare l'etichetta per la partizione. Consultare la sezione chiamata «Specificare l'etichetta della partizione».

  8. Fare clic su Aggiungi per aggiungere l'operazione di creazione della partizione tra le operazioni in sospeso. L'operazione di creazione viene visualizzata nel riquadro Operazioni in sospeso nella finestra principale di gparted.

Eliminare una partizione

Per eliminare una partizione:

  1. Selezionare una partizione non montata. Consultare la sezione chiamata «Selezionare una partizione».

  2. Scegliere: PartizioneElimina. L'operazione di eliminazione viene visualizzata nel riquadro Operazioni in sospeso nella finestra principale di gparted.

Attenzione

Se viene eliminata una partizione logica, tutte le partizioni logiche presenti dopo quella partizione subiranno un cambio nel nome del device.

Per esempio, se una partizione estesa contiene quattro partizioni logiche A, B, C e D, queste vengono viste dal sistema operativo nel seguente modo:

  • Partizione A come /dev/sda5.

  • Partizione B come /dev/sda6.

  • Partizione C come /dev/sda7.

  • Partizione D come /dev/sda8.

Se la partizione B viene eliminata, le restanti partizioni logiche saranno viste dal sistema operativo come segue:

  • Partizione A come /dev/sda5.

  • Partizione C come /dev/sda6. Notare il cambio di nome del device.

  • Partizione D come /dev/sda7. Notare il cambio di nome del device.

Le modifiche al nome di un device possono causare problemi se una partizione viene montata utilizzando tale nome. Per ovviare a questo problema è possibile usare l'etichetta della partizione oppure il suo identificatore univoco universale (UUID).

Modifiche al nome di un device possono influenzare i seguenti file:

  • /etc/fstab: contiene un elenco di file system da montare.

  • /boot/grub/menu.lst: contiene le informazioni di avvio del sistema operativo per il boot loader grub.

Formattare una partizione

Per formattare una partizione:

  1. Selezionare una partizione non montata. Consultare la sezione chiamata «Selezionare una partizione».

  2. Scegliere: PartizioneFormatta come e selezionare un tipo di file system dall'elenco. Le operazioni di formattazione vengono visualizzate nel riquadro Operazioni in sospeso.

Impostare un'etichetta a una partizione

Per impostare un'etichetta o un nome per il volume:

  1. Selezionare una partizione non montata. Consultare la sezione chiamata «Selezionare una partizione».

  2. Scegliere: PartizioneEtichetta. Viene aperto il dialogo Imposta etichetta partizione su /percorso-alla-partizione.

  3. Digitare un nome per l'etichetta nel campo di testo Etichetta.

  4. Fare clic su OK. L'operazione di impostazione dell'etichetta viene mostrata nel riqaudro Operazioni in sospeso.

Specificare i dettagli della partizione

Specificare i dettagli della partizione è utile per eseguire operazioni come la creazione, il ridimensionamento o lo spostamento.

Specificare dimensione e posizione della partizione

Per specificare la dimensione e la posizione della partizione, usare uno, o una combinazione, dei metodi seguenti:

  • Fare clic e mantenere premuto una delle freccia alle estremità dell'area di visualizzazione. Trascinare la freccia a destra o sinistra all'interno dell'intervallo visualizzato.

  • Fare clic e mantenere premuto nel mezzo della partizione nell'area di visualizzazione grafica. Spostare la partizione a sinistra o destra all'interno dell'intervallo visualizzato.

  • Fare clic sul pulsante di selezione o digitare un valore numerico per regolare i seguenti campi:

    • Spazio libero prima

    • Nuova dimensione

    • Spazio libero dopo

L'applicazione aggiorna sia l'area di visualizzazione grafica che i numeri dei tre campi.

Specificare l'allineamento della partizione

Per specificare l'allineamento della partizione, usare la casella Arrotondare ai cilindri.

  • Per abilitare, selezionare la casella Arrotondare ai cilindri.

  • Per disabilitare, deselezionare la casella Arrotondare ai cilindri.

Nota

Quando è abilitato, come da impostazione predefinita, Arrotondare ai cilindri allinea i limiti della partizione con quelli dei cilindri del dispositivo.

Suggerimento

Per mantenere compatibilità con vecchi sistemi operativi, abilitare Arrotondare ai cilindri.

Affinché l'inizio di una partizione esistente non si sposti, disabilitare l'opzione Arrotondare ai cilindri e non modificare il valore di Spazio libero prima.

Specificare il tipo di partizione

Per specificare il tipo di partizione, fare clic su Crea come e selezionare dall'elenco.

Nota

La tabella delle partizione «msdos» limita le partizioni come segue:

  • Massimo quattro partizioni primarie.

  • Massimo tre partizioni primarie e una partizione estesa.

    La partizione estesa può contenere molteplici partizioni logiche. Alcune distribuzioni GNU/Linux supportano l'accesso al massimo a quindici partizioni su un dispositivo.

  • La dimensione massima di una partizione è due terabyte con dimensione del settore di 512 byte. La partizione deve anche iniziare all'interno dei primi due terabyte del dispositivo.

Suggerimento

Le partizioni primarie forniscono un migliore ripristino dei dati poiché i limiti della partizione sono archiviati in posizioni note del dispositivo.

Specificare il file system della partizione

Per specificare il tipo di file system per la partizione, fare clic su File system e selezionarne uno dall'elenco.

Nota

Alcuni esempi di utilizzo dei file system:

  • I file system ext2 ed ext3 possono essere usati per installare GNU/Linux e per altri dati.

  • Il file system del tipo linux-swap può essere usato sistemi GNU/Linux per incrementare la memoria virtuale del computer.

  • I file system fat16 e fat32 possono essere usati per condividere dati tra sistemi operativi liberi e commerciali.

  • L'opzione non formattato consente di creare una partizione senza alcun file system.

Specificare l'etichetta della partizione

Per specificare l'etichetta per la partizione, anche chiamata etichetta di volume, digitare un nome nella casella di testo Etichetta.

Suggerimento

Le etichette possono essere usate per aiutare nel ricordare cosa è archiviato in una partizione.

Etichette uniche possono essere usate per montare file system su sistemi operativi GNU/Linux.

Azioni avanzate

Queste azioni modificano le partizioni presenti nei dispositivi e possono anche modificare i limiti iniziale e finale delle partizioni esistenti. Potrebbero inoltre causare problemi con l'avvio del sistema operativo.

Ridimensionare una partizione

Ridimensionare e spostare una partizione può essere compiuto in una singola azione tramite gparted.

Per ridimensionare una partizione:

  1. Selezionare una partizione non montata. Consultare la sezione chiamata «Selezionare una partizione».

  2. Scegliere: PartizioneRidimensiona/Sposta. Viene visualizzato il dialogo Ridimensiona/Sposta /percorso-alla-partizione.

  3. Regolare la dimensione della partizione. Consultare la sezione chiamata «Specificare dimensione e posizione della partizione».

  4. Specificare l'allineamento della partizione. Consultare la sezione chiamata «Specificare l'allineamento della partizione».

  5. Fare clic su Ridimensiona/Sposta. L'operazione di ridimensionamento e spostamento viene visualizzata nel riquadro Operazioni in sospeso.

  6. Esaminare le operazioni aggiunte nel riquadro Operazioni in sospeso.

    Se le azioni coinvolgono uno spostamento, prendere in considerazione quanto segue:

    • Un'operazione di spostamento potrebbe impiegare del tempo per essere completata.

    • Se la partizione è una partizione di "boot" del sistema operativo, un'operazione di spostamento potrebbe causare il non avvio del sistema.

    Se non è possibile attendere il completamento delle operazioni o non si è in grado, nel caso si verificassero, di risolvere problemi relativi all'avvio del sistema operativo, annullare le operazioni. Consultare la sezione chiamata «Annullare l'ultima operazione».

Suggerimento

Per espandere o spostare una partizione, è necessario disporre di spazio non allocato adiacente alla partizione interessata.

Se si sta per espandere una partizione logica, lo spazio non allocato deve essere contenuto all'interno della partizione estesa.

Se si sta per espandere una partizione primaria, lo spazio non allocato non deve essere all'interno della partizione estesa.

È possibile spostare lo spazio non allocato all'interno o all'esterno di una partizione estesa ridimensionandone i limiti.

Suggerimento

Per migliorare il ridimensionamento di partizioni NTFS, prendere in considerazione quanto segue:

  • Deframmentare il file system.

    Avviare i sistemi operativi commerciali dotati di file system NTFS in modalità sicura, può aiutare nel deframmentare il file system. Per entrare nella modalità sicura, premere F8 durante la fase di avvio del sistema operativo.

  • Controllare la presenza di errori nella partizione con il seguente comando:

    C:> chkdsk /f /r

    Ricordarsi di riavviare il sistema commerciale che fa uso del file system NTFS affinché il comando chkdsk sia eseguito.

  • Disabilitare temporaneamente il file di paginatura. Questo file occupa una posizione fissa all'interno della partizione che il processo di deframmentazione non è in grado di spostare.

  • Spostare temporaneamente file di grandi dimensioni in un'altra partizione o su un altro dispositivo. File di grandi dimensioni sono definiti come maggiori di un centinaio di megabyte (MB).

  • Prima di ridimensionare la partizione NTFS, assicurarsi di spegnere correttamente il sistema operativo commerciale.

  • Lasciare almeno il dieci percento di spazio libero nella partizione NTFS. Se la partizione viene ridotta troppo, il sistema operativo commerciale potrebbe non funzionare correttamente.

  • Una volta ridotta la partizione NTFS, riavviare due volte il sistema operativo commerciale che ne fa uso.

Spostare una partizione

Ridimensionare e spostare una partizione può essere compiuto in una singola azione tramite gparted.

Per spostare una partizione:

  1. Selezionare una partizione non montata. Consultare la sezione chiamata «Selezionare una partizione».

  2. Scegliere: PartizioneRidimensiona/Sposta. Viene visualizzato il dialogo Ridimensiona/Sposta /percorso-alla-partizione.

  3. Regolare la posizione della partizione. Consultare la sezione chiamata «Specificare dimensione e posizione della partizione».

  4. Specificare l'allineamento della partizione. Consultare la sezione chiamata «Specificare l'allineamento della partizione».

  5. Fare clic su Ridimensiona/Sposta. L'operazione di ridimensionamento e spostamento viene visualizzata nel riquadro Operazioni in sospeso.

Suggerimento

Se la partizione è una partizione di "boot" del sistema operativo, un'operazione di spostamento potrebbe causare il non avvio del sistema.

Se l'avvio del sistema operativo non riesce, consultare la sezione chiamata «Risolvere i problemi di avvio del sistema operativo».

Copiare e incollare una partizione

Per copiare una partizione:

  1. Selezionare una partizione non montata. Consultare la sezione chiamata «Selezionare una partizione».

  2. Scegliere: PartizioneCopia. La partizione viene segnata come sorgente.

Per incollare una partizione:

  1. Selezionare dello spazio non allocato su un dispositivo. Consultare la sezione chiamata «Selezionare lo spazio non allocato».

  2. Scegliere: PartizioneCopia. Viene visualizzato il dialogo Incolla /percorso-alla-partizione.

  3. È anche possibile regolare la dimensione e la posizione della partizione. Consultare la sezione chiamata «Specificare dimensione e posizione della partizione».

  4. È anche possibile specificare l'allineamento della partizione. Consultare la sezione chiamata «Specificare l'allineamento della partizione».

  5. Fare clic su Incolla. L'operazione di copia della partizione viene visualizzata nel riquadro Operazioni in sospeso.

Attenzione

La copia della partizione ha la stessa etichetta e lo stesso identificatore univoco universale (UUID) della partizione sorgente. Questo può causare un problema nelle fasi di mount quando viene usata l'etichetta della partizione o lo UUID per identificare la partizione in quanto etichetta e UUID sono identici.

È consigliato fare quanto segue:

  • Modificare lo UUID della partizione. Se l'etichetta della partizione è impostata, modificarla.

  • Assicurarsi che la partizione sorgente e la copia non siano usate nello stesso computer simultaneamente.

Gestire i flag di una partizione

Per gestire i flag sulle partizioni:

  1. Selezionare una partizione. Consultare la sezione chiamata «Selezionare una partizione».

  2. Scegliere: PartizioneGestione flag. Viene visualizzato il dialogo Gestione flag su /percorso-alla-partizione.

    • Per abilitare un flag, selezionare la casella a fianco del flag stesso. Il flag viene scritto e abilitato sulla partizione e viene aggiornato il dialogo Gestione flag su /percorso-all-partizione.

    • Per disabilitare un flag, deselezionare la casella a fianco del flag stesso. Il flag viene scritto e disabilitato sulla partizione e viene aggiornato il dialogo Gestione flag su /percorso-alla-partizione.

Per chiudere il dialogo Gestione flag su /percorso-alla-partizione, fare clic su Chiudi.

Nota

Quella che segue è una descrizione dei flag utilizzabili in una tabella delle partizioni di tipo «msdos»:

  • Il flag "boot" è utilizzato da alcuni boot loader di sistemi operativi commerciali. Tale flag indica che la partizione è attiva e avviabile: solo una partizione su un disco può essere avviabile.

  • Il flag "hidden" è utilizzato da alcuni sistemi operativi commerciali. Tale flag rende la partizione invisibile al sistema operativo.

  • Il flag "lba" è utilizzato da alcuni sistemi operativi commerciali. Tale flag indica di accedere alla partizione utilizzando il metodo di indirizzamento LBA (Logical Block Addressing) invece che CHS (Cylinder-Head-Sector).

  • Il flag "lvm" è utilizzato per indicare che la partizione è usata da LVM (Logical Volume Manager).

  • Il flag "palo" è utilizzato dal boot loader PA-RISC (Precision Architecture - Reduced Instruction Set Computing) "palo".

  • Il flag "prep" è utilizzato per indicare la partizione di avvio su hardware PowerPC (Power Performance Computing).

  • Il flag "raid" è utilizzato per indicare che la partizione è usata in RAID (Redundant Array of Inexpensive Disks).

Controllare una partizione

Controllare una partizione serve per trovare e risolvere eventuali problemi nel file system; viene anche cercato di espandere il file system affinché occupi la partizione.

Per controllare una partizione:

  1. Selezionare una partizione non montata. Consultare la sezione chiamata «Selezionare una partizione».

  2. Scegliere: PartizioneControlla. Viene visualizzata l'operazione di controllo nel riquadro Operazioni in sospeso.

Gestire le operazioni in sospeso

Annullare l'ultima operazione

Per annullare l'ultima operazione tra le operazioni in sospeso, scegliere: ModificaAnnulla ultima operazione. Viene rimossa l'operazione presente nel riquadro Operazioni in sospeso. Se non sono presenti altre operazioni, il riquadro viene chiuso.

Rimuovere tutte le operazioni

Per rimuovere tutte le operazione in sospeso, scegliere: ModificaRimuovi operazioni. Vengono rimosse tutte le operazioni dal riquadro Operazioni in sospeso.

Applicare le operazioni

Per applicare tutte le operazioni:

  1. Scegliere: ModificaApplica operazioni. Viene visualizzato il dialogo Applica operazioni sul disco.

    Attenzione

    La modifica delle partizioni può causare la perdita di dati. È consigliato fare una copia di backup dei dati prima di applicare le operazioni.

  2. Fare clic su Applica. Viene visualizzato il dialogo Applicazione operazioni in sospeso e vengono applicate le operazioni nell'ordine con cui sono state create. Al completamento di ogni singola operazione ne viene aggiornato lo stato.

    • Per avere maggiori informazioni riguardo le operazioni, fare clic su Dettagli.

      Per avere maggiori informazioni riguardo i passi eseguiti in ogni operazione, fare clic sulla freccia a fianco di ogni passo.

    • Per fermare le operazioni mentre sono in esecuzione, fare clic su Annulla. Viene visualizzato un dialogo di avviso.

      È consigliato fare clic su Continua operazione poiché Annulla operazione potrebbe causare danni al file system. Annullare l'operazione solo se sono state prese in considerazione le conseguenze.

      Una volta applicate tutte le operazioni, vengono visualizzati i pulsanti Salva dettagli e Chiudi.

  3. Per salvare i dettagli dell'applicazione delle operazioni, fare clic su Salva dettagli. Viene visualizzato il dialogo Salva dettagli.

    1. Per cambiare il nome predefinito del file, digitare un nuovo nome nella casella di testo Nome.

    2. Per salvare il file in una cartella diversa da «/root», fare clic su Esplora altre cartelle per aprire l'esploratore di file.

      Usare l'esploratore del file system per selezionare una cartella.

    3. Fare clic su Salva per salvare il file con i dettagli.

    Attenzione

    Se si fa uso di gparted da un CD "live", il file system esiste solamente nella memoria RAM. Tutti i file salvati durante la sessione del CD "live" andranno persi quando viene spento il computer.

    Se sono stati salvati i dettagli di gparted nel file system del CD "live", è necessario copiare i file su un dispositivo di archiviazione permanente come un disco fisso o una chiavetta USB.

  4. Fare clic su Chiudi per chiudere il dialogo Applicazione delle operazioni in sospeso. Verranno quindi analizzati nuovamente tutti i dispositivi e aggiornate le partizioni nella finestra principale di gparted.

GParted su un CD "live"

Un CD "live" è un CD che contiene un sistema operativo che è possibile utilizzare direttamente dal CD stesso.

L'utilizzo di gparted da un CD "live" ha i seguenti vantaggi:

  • È possibile modificare qualsiasi partizione poiché non risulta montata.

  • È possibile modificare le partizioni su computer che non hanno un sistema operativo avviabile.

L'applicazione gparted è disponibile in molti CD "live" delle più famose distribuzioni.

È possibile scaricare un'immagine "live" del CD contenente gparted dai seguenti siti web:

Suggerimento

Per evitare di sprecare dei CD durante la masterizzazione, tenere a mente questi suggerimenti:

  • Assicurarsi che il checksum del file scaricato sia uguale a quello presente nella pagina web.

  • Assicurarsi di masterizzare il file «.iso» come un'immagine, se viene masterizzato come dati semplici, il CD non potrà essere caricato dal computer.

Risolvere i problemi di avvio del sistema operativo

Il computer potrebbe non riuscire ad avviare un sistema operativo se:

  • Viene eliminata una partizione.

  • Viene spostata una partizione.

  • Viene installato un nuovo sistema operativo che sovrascrive il MBR (Master Boot Record).

È consigliato consultare la documentazione del boot loader per informazioni su come risolvere il problema. È possibile consultare le domande ricorrenti di GParted oppure il forum di GParted. È anche possibile eseguire una ricerca su Internet per informazioni su come altre persone possono aver risolto dei problemi simili.

Risolvere i problemi di avvio di GRUB

Il boot loader GRUB (Grand Unified Boot loader) potrebbe non riuscire ad avviare un sistema operativo se:

  • Viene mossa la partizione contenente il file «stage2» di GRUB.

  • Viene installato un nuovo sistema operativo che sovrascrive il MBR (Master Boor Record).

Per risolvere questi problemi è necessario reinstallare GRUB seguendo i seguenti passi:

  1. Avviare grub dalla riga di comando.

    $ grub
  2. Trovare la posizione dello «stage1» di grub con uno dei seguenti metodi:

    Se la cartella «/boot» è archiviata nella partizione «/», usare il comando:

    grub> find /boot/grub/stage1

    Se è archiviata in una partizione diversa dalla «/», usare il comando:

    grub> find /grub/stage1

    L'output del comando find potrebbe essere simile a quanto segue:

     (hd0,0)

    Se viene elencata più di una riga nell'output del comando, è necessario decidere quale device usare per grub.

  3. Impostare il device root di grub specificando il device restituito dall'esecuzione del comando find.

    grub> root (hd0,0)
  4. Reinstallare grub specificando il device restituito dall'esecuzione del comando find.

    grub> setup (hd0,0)
  5. Uscire da grub.

    grub> quit
  6. Riavviare il computer.

L'applicazione grub è inclusa in tutti i CD "live" elencati in la sezione chiamata «GParted su un CD "live"»

Recuperare la tabella delle partizioni

Se è stata sovrascritta per sbaglio la tabella delle partizioni c'è qualche possibilità di riuscire a recuperarla.

L'applicazione testdisk è stata progettata per recuperare partizioni che sono state perse. Per maggiori informazioni riguardo testdisk, consultare http://www.cgsecurity.org/wiki/TestDisk.

L'applicazione testdisk è inclusa in tutti i CD "live" elencati in la sezione chiamata «GParted su un CD "live"»

Documentation   FAQ   Forum   Bugs   Features   Screenshots   Articles   Contact

Get GParted at SourceForge.net. Fast, secure and Free
	Open Source software downloads Valid HTML 4.01! Correct CSS! Privacy policy